Tel: 348 5841752   |   Fax: 055 9029987  |     Email: studiomedicolentini@gmail.com
© fecondazioneassistita.it tutti i diritti riservati
La riserva ovarica
Il declino della riserva ovarica con il progredire dell’età varia notevolmente da soggetto a soggetto per cui in alcuni casi possiamo avere condizioni di rapido esaurimento della stessa con conseguente drastica riduzione della fertilità anche in età relativamente giovane (già verso i 30 anni), mentre in altri essa tende a mantenersi più o meno stabile anche in età relativamente più avanzate. E’ quindi evidente che alcuni fattori sia di ordine genetico che di ordine acquisito (legati quindi a stati patologici e/o a stili di vita) possono in qualche modo influenzare la fertilità della donna.

Fattori Genetici.

I   fattori   di   ordine   genetico   possono   agire   a   vari   livelli:   da   un   lato   determinano   il   pool   ovocitario   di   partenza   già   a   livello   della   vita   fetale, dall’altro   possono   agire   sui   meccanismi   di   distruzione   ovocitaria   già   prima   della   nascita   e   ancor   più   in   epoca   post-natale   determinando   una diversa velocità di esaurimento della riserva ovarica (6,7).  Numerosissimi   studi   hanno   negli   ultimi   anni   individuato   un   enorme   numero   di   geni   implicati   nei   meccanismi   di   regolazione   della   funzione ovarica   cercando   di   identificare   quelle   alterazioni   che   possono   principalmente   entrare   in   gioco   nelle   condizioni   di   alterata   e/o   ridotta   riserva ovarica.   Al   riguardo   molti   studi   hanno   preso   in   esame   pazienti   affette   da   menopausa   precoce   (condizione   caratterizzata   dall’insorgenza   della menopausa   prima   dei   40   anni)   ed   hanno   portato   all’identificazione   di   alcune   alterazioni   genetiche   che   possono   già   oggi   essere   ricercate   nel contesto   della   pratica   clinica   per   caratterizzare   queste   pazienti,   quali   ad   esempio   la   mutazione   X   fragile   (FMR1).    Questa   alterazione   può essere    presente    in    varie    forme    rappresentanti    un    diverso    grado    di    espressione    della    stessa.    Si    va    da    forme    cosidette    complete    che caratterizzano   la   vera   e   propria   “sindrome   del   X   fragile”   in   cui   alla   menopausa   precoce   si   associano   anche   ulteriori   alterazioni   quali   in   primo luogo   il   ritardo   mentale,   a   forme   cosiddette   “intermedie”   e   di   “pre-mutazione”   in   cui   l’espressione   dell’alterazione   genetica   è   più   o   meno parziale.   E’   proprio   in   queste   forme   parziali   ed   in   particolare   nelle   forme   “intermedie”   (in   cui   l’alterazione   è   minima)   che   possiamo   ritrovare un   aumentato   rischio   di   precoce   riduzione   della   riserva   ovarica   che   configura   la   condizione   di   “premature   ovarian   aging   (POA)”      definita   da alcuni Autori (8) e che nel complesso sembrerebbe interessare circa il 10% della popolazione (9,10).

Fattori acquisiti

Oltre   che   da   fattori   di   ordine   genetico   e   quindi   di   per   sé   al   momento   non   modificabili,   la   riserva   ovarica   è   anche   influenzata   da   fattori   di ordine acquisito su cui è possibile pertanto agire modificando le nostre abitudini di vita. Fra   i   vari   fattori   chiamati   in   causa   in   prima   istanza   vi   è   il   fumo   di   sigaretta .   Al   riguardo   numerosi   studi   hanno   messo   in   evidenza   come   la menopausa   compaia   da   uno   a   quattro   anni   prima   nelle   donne   fumatrici   rispetto   alle   non   fumatrici      e   ciò   sembrerebbe   essere   correlato   ad un   effetto   tossico   diretto   del   fumo   di   sigaretta   a   livello   ovarico   con   conseguente   aumentata   distruzione   del   patrimonio   follicolare   (11-13). Inoltre   alcuni   studi   hanno   evidenziato   come   il   fumo   di   sigaretta   comporti   un   aumento   di   anomalie   a   livello   del   patrimonio   genetico dell’ovocita proporzionale al numero di sigarette fumate giornalmente (14). Un   altro   fattore   legato   allo   stile   di   vita   è   l ’abuso   di   alcool    il   quale   sembra   associarsi   significativamente   ad   una   riduzione   della   fertilità.   Al riguardo   alcuni   studi   hanno   evidenziato   come   l’alcool   possa   influenzare   negativamente   la   fertilità   mediante   vari   meccanismi   che   in   linea   di massima   determinano   alterazioni   ovulatorie      ma   anche   una   insufficiente   maturazione   dell’ovocita   (15,16,17,18,19).   Ciononostante   ad   oggi non   sembrano   esservi   presenti   in   letteratura   studi   che   abbiamo   messo   in   evidenza   una   diretta   correlazione   tra   l’assunzione   di   alcool   ed   una vera e propria riduzione della riserva ovarica. Riferimenti bibliografici 7)   Norbert   Gleicher,   Andrea   Weghofer,   David   H.   Barad.   A   pilot   study   of   premature   ovarian   senescence:   II.   Different   genotype   and   phenotype   for   genetic   and autoimmune etiologies. Fertility and Sterility May 2009 (Vol. 91, Issue 5, Pages 1707-1711) 8)   Norbert   Gleicher,   Andrea   Weghofer,   David   H.   Barad.   A   pilot   study   of   premature   ovarian   senescence:   I.   Correlation   of   triple   CGG   repeats   on   the   FMR1   gene   to   ovarian reserve parameters FSH and anti-Mullerian hormone. Fertility and Sterility May 2009 (Vol. 91, Issue 5, Pages 1700-1706) 9) Nikolaou D, Gilling-Smith C. Early ovarian ageing: are women with polycystic ovaries protected? Hum Reprod 2004;19:2175–9. 10) Barad DH, Weghofer A, Gleicher N. Age-specific levels for basal follicle-stimulating hormone assessment of ovarian function. Obstet Gynecol, 2007;109:1404–10. 11)   Mattison   DR,   Plowchalk   DR,   Meadows   MJ,   Miller   MM,   Malek   A,   London   S.   The   effect   of   smoking   on   oogenesis,   fertilization   and   implantation.   Semin   Reprod Endocrinol 1989;7:291–304. 12) Baron JA, La Vecchia C, Levi F. The antioestrogenic effect of cigarette smoking in women. Am J Obstet Gynecol 1990;162:502–14. 13) Adena MA, Gallagher HG. Cigarette smoking and the age at menopause. Ann Hum Biol 1982;9:121–30. 14) Zenzes MT, Wang P, Casper RF. Cigarette smoking may affect meiotic maturation of human oocytes. Hum Reprod 1995;10:3213–7. 15)   Muti   P,   Trevisan   M,   Micheli   A,   Krogh   V,   Bolelli   G,   Sciajno   R,   et   al.   Alcohol   consumption   and   total   estradiol   in   premenopausal   women.   Cancer   Epidemiol   Biomarkers Prev 1998;7:189–93. 16)   Reichman   ME,   Judd   JT,   Longcope   C,   Schatzkin   A,   Clevidence   BA,   Nair   PP,   et   al.   Effects   of   alcohol   consumption   on   plasma   and   urinary   hormone   concentrations   in premenopausal women. J Natl Cancer Inst 1993;85:722–7. 17) Gavaler JS, Van Thiel DH, Lester R. Ethanol: a gonadal toxin in the mature rat of both sexes. Alcohol Clin Exp Res 1980;4:271–6. 18)   McKenzie   PP,   McClaran   JD,   Caudle   MR,   Fukuda   A,   Wimalasena   J.   Alcohol   inhibits   epidermal   growth   factor-stimulated   progesterone   secretion   from   human   granulosa cells. Alcohol Clin Exp Res 1995;19: 1382–8. 19)   Leach   RE,   Stachecki   JJ,   Armant   DR.   Development   of   in   vitro   fertilized   mouse   embryos   exposed   to   ethanol   during   the   preimplantation   period:   accelerated embryogenesis at subtoxic levels. Teratology 1993;47:57–64. 20)   Merviele   P,   Hearud   MH,   Grenier   N,   Lourdel   E,   Sanguinet   P,   Copin   H.   Predictive   factors   for   pregnancy   after   intrauterine   insemination   (IUI):   An   analysis   of   1038   cycles and a review of the literature. Fertil Steril, 2010, 93:79-88
Avanti

I Fattori che influenzano la riserva ovarica