Tel: 348 5841752   |   Fax: 055 9029987  |     Email: studiomedicolentini@gmail.com
© fecondazioneassistita.it tutti i diritti riservati
Il prelievo ovocitario
La procedura si articola essenzialmente in quattro fasi principali (clicca sulle singole immagini per visualizzare i dettagli):

Le fasi della procedura di Fecondazione in Vitro

Il prelievo degli ovociti (pick-up ovocitario) costituisce la seconda fase della procedura di Fecondazione in Vitro. Esso viene eseguito 24-36 ore dopo la somministrazione di una dose di gondotropina corionica (Profasi - Gonasi - Ovitrelle - Pregnyl) o di un analogo del Gnrh (Decapeptyl, Enantone) i quali hanno lo scopo di indurre la maturazione finale degli ovociti. Attualmente   nella   maggior   parte   dei   casi   tale   procedura   viene   eseguita   per   via transvaginale   ecoguidta,   riservando   la   via   laparoscopica   ai   rarissimi   casi   in   cui l'ovaio    o    le    ovaie    non    siano    raggiungibili    altrimenti.    Il    prelievo    ecoguidato presenta   peraltro   rispetto   alla   via   laparoscopica   il   vantaggio   di   una   minima invasività.   Infatti   esso   viene   eseguito   previa   semplice   anestesia   locale   a   livello dei   fornici   vaginali,   permettendo   alla   paziente   di   tornare   autonomamente   al proprio domicilio già dopo una, due ore dall'intervento. In    pratica    la    procedura    consiste    nell’iserimento    per    via    transvaginale    di    un apposito   ago   montato   sulla   sonda   ecografica   per   mezzo   del   quale   vengono   raggiunte   le   ovaie   ed   aspirato   il   contenuto   dei   follicoli   con   conseguente raccolta degli ovociti in essi contenuti. Nel complesso la procedura ha una durata di circa 10 -15 minuti e non necessita di ricovero.