Tel: 348 5841752   |   Fax: 055 9029987  |     Email: studiomedicolentini@gmail.com
© fecondazioneassistita.it tutti i diritti riservati
Le   patologie   infiammatorie   del   distretto   pelvico   (PID      dalla   definizione   inglese   Pelvic   Inflammatory   Disease)   sono   rappresentate   da   una   serie   di condizioni   infiammatorie   del   tratto   genitale   superiore   che   coinvolgono   in   primo   luogo   le   tube   (salpingite)   e   più   di   rado   le   ovie   (ooforiti)   fino   ad interessare anche il peritoneo pelvico (pelvi-peritonite). In   genere   questi   quadri   derivano   da   un   percorso   ascendente   attraverso   gli   organi   genitali   di   germi   che   hanno   origine   a   livello   vaginale   (dalla   vagina   i germi   risalgono   a   livello   della   cavità   uterina   e   quindi   delle   tube).   In   genere   il   muco   cervicale   (cioè   presente   a   livello   del   collo   dell’utero)   costituisce una   barriera   che   impedisce   appunto   il   diffondersi   di   microorganismi   a   livello   degli   organi   genitali   interni,   ma   alcune   condizioni   quali   il   verificarsi   di aborti,   il   parto,   interventi   chirurgici   a   livello   del   collo   dell’utero   o   l’inserimento   di   dispositivi   quali   la   spirale   possono   in   qualche   modo   alterare   tale barriera e consentire il passaggio di germi patogeni. I germi che più frequentemente sono chiamati in causa al riguardo sono: - Chlamydia trachomatis; - Neisseria gonorrhoeae; - Mycoplasma hominis; - Ureaplasma urealitycum. Altri germi possono talvolta entrare in gioco ma con minor frequenza. L’importanza   degli   episodi   di   infiammazione   pelvica   nel   determinismo   di   quadri   di   infertilità   da   fattore   tubarico   è   indicata   da   alcuni   studi   che   riportano come   ogni   singolo   episodio   raddoppi   il   rischio   di   infertilità   da   fattore   tubarico   per   cui   esso   risulta   pari   al   10%   dopo   un   primo   episodio,   al   20%   dopo due episodi ed al 40% dopo tre o più episodi. Le infezioni da Chlamydia. La   Chlamydia   trachomatis   è   senza   dubbio   il   germe   che   maggiormente   viene   chiamato   in   causa   nel   determinismo   di   un   danno   tubarico   che   può   poi essere   alla   base   di   una   condizione   di   infertilità.   Si   tratta   di   un   batterio   intracellulare   (1)      che   è   per   lo   più   causa   di   quadri   di   infiammazione   a   livello della   cervice   uterina   (2)   i   quali   però   in   circa   il   70   -75%   dei   casi   sono   asintomatici.   Ciononostante   circa   il   20%   delle   infezioni   del   tratto   genitale inferiore   da   Chlamydia   danno   luogo   a   quadri   di   malattia   infiammatoria   pelvica   con   coinvolgimento   delle   tube   uterine   e   al   riguardo   alcuni   studi indicano tale microorganismo quale responsabile della maggior parte dei casi di infertilità da fattore tubarico (3). Da   un   punto   di   vista   clinico   il   coinvolgimento   tubarico   da   parte   di   un   processo   infettivo   può   esprimersi   con   quadri acuti   conclamati   (salpingite   acuta)   ma   talvolta   può   decorrere   in   modo   del   tutto   asintomatico   o   quasi.   Spesso   tali processi infettivi possono poi esitare in quadri cronici (salpingite cronica). La   salpingite   acuta   insorge   in   genere   poco   dopo   le   mestruazioni   con   dolore   localizzato   in   particolar   modo   a   livello dei   quadranti   infero-laterali   dell’addome   a   carattere   ingravescente.   Talvolta   questi   quadri   si   accompagnano   a febbre e alla presenza di perdite vaginali in genere a carattere muco purulento. In   alcuni   casi   all’episodio   acuto   può   far   seguito   un   quadro   di   salpingite   cronica   che   può   anche   essere   del   tutto silente   da   un   punto   di   vista   clinico   ma   che   porta   spesso   al   formasi   di   fenomeni   aderenziali   con   distorsione   del lume   tubarico,   occlusioni   o   sub-occlusioni   e   alterazioni   della   motilità   tubarica.   E’   evidente   come   ciò   possa   portare ad una perdita della funzionalità tubarica ed all’instaurarsi di un quadro di infertilità. Nell’immagine    accanto    è    raffigurato    un    possibile    quadro    di    occlusione    tubarica    che    può    verificarsi    come conseguenza   di   una   salpingite   cronica.   Come   è   possibile   osservare   il   decorso   della   tuba   appare   distorto   dalla presenza    di    tenaci    aderenze    che    la    fissano    all’oviaio    e    ne    rendono    pertanto    tortuoso    il    decorso.   A    livello dell’infundibulo le fimbrie appaiono conglutinate con conseguente occlusione del lume tubarico. Da   quanto   detto   finora   emerge   chiaramente   l’importanza   della   ricerca   di   eventuali   segni   di   pregressa   infezione, in   particolar   modo   da   Chlamydia.   Al   riguardo   è   possibile   eseguire   la   ricerca   specifica   degli   anticorpi   anti- Chlamydia    nel    sangue.    L’importanza    di    tale    test,    ed    in    particolar    modo    la    presenza    di immunoglobuline   di   tipo   G   (IgG,   indice   specifico   di   una   pregressa   infezione   da   Chlamydia)   è   stata   sottolineata   da   vari   studi   i   quali hanno     addirittura     evidenziato     come     essa     presenti     una     accuratezza     diagnostica     comparabile     alla     isterosalpingografia nell’evidenziare la presenza di una patologia tubarica (6, 7, 8). Riferimenti bibliografici 1) J. Paavonen and W. Eggert-Kruse. Chlamydia Trachomatis: impact on human reproduction. Hum Reprod Update, 1999; 5: 433-447 2) Brunham   RC,   Paavonen   J,   Stevens   CE,   Kiviat   N,   Kuo   CC,   Critchlow   CW,   et   al.   Mucopurulent   cervicitis—the   ignored   counterpart   in   women   of   urethritis   in men. N Engl J Med 1984;311:1–6. 3) Mardh   PA.   Influence   of   infection   with   Chlamydia   trachomatis   on   pregnancy   outcome,   infant   health   and   life-long   sequelae   in   infected   offspring.   Best   Pract Res Clin Obstet Gynaecol 2002;16:847–64. 4) Westrom   L.   Incidence,   prevalence   and   trends   of   acute   pelvic   inflammatory   disease   and   its   consequences   in   industrial   countries.   Am   J   Obstet   Gynecol, 1980; 138: 880-892 5) Westrom L. Sexually transmitted diseases and infertility. Sex. Transm. Dis, 1994; 21: S2-S37 6) Perquin    DAM,    Beersma    MFC,    De    Craen    AJM,    Helmerhost    FM.    The    value    of    Chlamydia    trachomatis-specific    IgG    antibody    testing    and hysterosalpingography for predicting tubal pathology and occurrence of pregnancy. Fertil Steril, 2007; 88: 224-6 7) Dabekausen   YAJM,   Evers   JLH,   Land   JA,   Stals   FS.   Chlamydia   trachomatis   antibody   testing   is   more   accurate   than   hysterosalpingography   in   predicting tubal factor infertility. Fertil Steril 1994;61:833–7 8) Meikle   SF,   Zhang   X,   Marine   WM,   Calonge   BN,   Hamman   RF,   Betz   G.   Chlamydia   trachomatis   antibody   titers   and   hysterosalpingography   in   predicting   tubal disease in infertility patients. Fertil Steril 1994; 62:305–12. 5. Mol BWJ, Dijkman B, Wertheim P, Lijmer
Le Patologie infiammatorie del distretto pelvico
Ovaio
Infundibulo