Tel: 348 5841752   |   Fax: 055 9029987  |     Email: studiomedicolentini@gmail.com
© fecondazioneassistita.it tutti i diritti riservati
Sicuramente   non   è   così   facile   per   una   coppia   decidere   da   chi   farsi   seguire   una   volta      constatata   l’esistenza   di   un   problema   di   infertilità,   o meglio, di subfertilità. Oggi   i   Centri   di   Procreazione Assistita   presenti   nel   territorio   italiano   sono   sicuramente   numerosi.   Dai   dati   pubblicati   dall’Istituto   Superiore di   Sanità   relativi   al   2104   risultavano   attivi   in   italia   362   Centri   di   Procreazione   Medicalmente   Assistita   (PMA)   di   cui   però   la   maggior   parte (63.8%)   concentrati   in   sole   5   regioni:   Lombardia   (62   centri   pari   al   17.1%),   Lazio   (50   centri   pari   al   13.8   %),   Campania   (44   centri   pari   al 12,2%), Sicilia (40 centri pari al 11,0%) e Veneto (35 centri pari al 9.7%). Ma   se   andiamo   a   vedere   quanti   erano   al   2014   i   centri   Privati   ed   i   Centri   pubblici   o   privati   convenzionati   vediamo   che,   per   quanto   riguarda i   centri   cosidetti   di   II   livello   (ossia   i   centri   dove   si   effettuano   le   procedure   di   fecondazione   in   vitro   -   a   maggior   livello   tecnologico   e   quindi significativemente   più   costosi   rispetto   ai   centri   di   I   livello),   74   centri   (pari   al   37%)   erano   pubblici,   19   (ossia   il   9.5%)   privati   convenzionati   e ben   107   (cioè   il   53,5%   del   totale)   privati.   Inoltre   ben   il   76.3   %   dei   centri   pubblici   o   privati   convenzionati   erano   localizzati   territorialmente nel Nord Ovest del nostro paese. Quest’anno   (2017)   sono   stati   elaborati   i   nuovi   Livelli   Essenziali   di   Assistenza   (LEA)   nazionali,   ossia   le   prestazioni   minime   che   a   livello nazionale   il   sistema   sanitario   deve   garantire   ad   ogni   cittadino   e,   nel   contesto   di   questi   LEA,   è   stata   inserita   anche   la   procreazione assistita.   Ciò   dovrebbe   nell’arco   di   qualche   tempo   migliorare   la   situazione   in   relazione   all’offerta   pubblica   in   questo   settore,   venendo   qui   a colmare   le   disparità   attualmente   presenti   che   vedono   alcune   regioni   ad   oggi   del   tutto   prive   di   centri   di   procreazione   asssistita   publici. Ovviamente però ciò richiederà del tempo e non si sa quanto…. Ecco   quindi   che   a   causa   di   ciò   spesso   la   scelta   verso   il   pubblico   o   il   privato   viene   fortemente   orientata   dalla   disponibilità   in   particolare dell’offerta pubblica (senza dubbio molto meno onerosa del privato), nonchè delle liste di attesa eventualmente presenti, etc.

IL FENOMENO DEL TURISMO PROCREATIVO

Come   ho   descritto   sopra,   l’offerta   pubblica   delle   prestazioni   relative   alle   tecniche   di   procreazione   medicalmente   assistita   (PMA)   varia notevolmente   da   regione   a   regione   passando   da   regioni   come   la   Toscana   in   cui   il   71.5%   dei   Centri   di   PMA   è   pubblico   o   privato convenzionato,   a   regioni   come   la   Calabria   in   cui   non   esiste   nemmeno   un   centro   pubblico.   Peraltro   occorre   anche   considerare   che, fintanto   che   non   verranno   effettivamente   applicati   i   nuovi   Livelli   Essenziali   di   Assistenza   Nazionali,   esistono   ad   oggi   alcune   regioni   che hanno   già   inserito   le   prestazioni   inerenti   la   procreazione   assistita   nei   LEA   regionali   (quali   la   Toscana,   L’Umbria,   la   Lombardia   ed   altre)   e che   quindi   garantiscono,   seppur   con   diverse   modalità,   tali   prestazioni   nell’ambito   del   sistema   pubblico   ed   altre   regioni   (quali   ad   esempio la   Puglia   e   la   Calabria)   in   cui   tali   prestazioni   non   sono   presenti   nei   LEA   regionali   e   che   pertantono   al   momento   non   sono   tenute   a garantire appieno. Quanto   sopra   premesso,   al   fine   di   comprendere   il   fenomeno   del   turismo   procreativo,   dobbiamo   necessariamente   fare   un   cenno   ai meccanismi di cosidetta «mobilità sanitaria». Il   sistema   sanitario   nel   nostro   paese   è   attualmente   di   tipo   regionale,   ossia   gestito   da   ciascuna   regione   che,   come   ho   detto   sopra, stabilisce   i   propri   Livelli   Essenziali   di   Assistenza   nel   contesto   dei   quali   può   inserire   coperture   aggiuntive   rispetto   a   quanto   stabilito   nei LEA    nazionali    (ossia    quanto    uniformemente    a    livello    nazionale    deve    essere    garantito    dai    vari    sistemi    sanitari).    Nell’ambito    delle prestazioni   comprese   nei   LEA   regionali,   ogni   cittadino   è   però   libero   (almeno   per   ora)   di   decidere   dove   farsi   curare,   per   cui,   molto banalmente,   un   cittadino   dell’Umbria   può   decidere   di   andare   ad   eseguire   una   procedura   di   fecondazione   in   vitro   in   Toscana   e   la   regione Umbria (che dovrà quindi sostenere il costo di tale prestazione) pagherà alla regione Toscana la tariffa relativa ad essa. Se   consideriamo   inoltre   i   centri   privati   convenzionati,   ogni   regione   stabilisce   in   genere   nei   confronti   di   questi   centri   un   budget   annuale, ossia   un   tetto   massimo   di   prestazioni   che   annualmente   il   centro   convenzionato   può   esseguire   nei   confronti   dei   pazienti   residenti   nella propria regione (prestazioni che vengono quindi pagate dalla regione al centro convenzionato). I   pazienti   che   provengono   da   altre   regioni   (semprechè   ovviamente   la   prestazione   sia   comunque   inserita   nei   LEA   della   regione   di provenienza)   non   sono   però   inclusi   nel   budget   massimo   annuale   in   quanto   chi   paga   la   prestazione   è   la   regione   di   provenienza   e   non quella   del   centro   ove   essa   viene   eseguita.   Questo   spiega   perchè   in   genere   le   coppie   provenienti   da   «fuori   regione»   non   hanno   lista   di attesa o comunque hanno, presso i centri convenzionati, una lista di attesa minima non condizionata dai budget regionali. Tutto   ciò   ha   portato   nel   corso   di   questi   anni   allo   svilupparsi   di   un   vero   e   proprio   turismo   procreativo   per   cui   le   coppie   che   non   possono permettersi   i   costi,   senza   dubbio   significativi,   del   privato,   si   vedono   costrette   a   migrare   verso   regioni   dove   maggiore   è   l’offerta   pubblica (ed   in   specie   l’offerta   convenzionata)   per   poter   riuscire   ad   eseguire   con   costi   accettabili   ed   in   tempi   ragionevoli,   le   procedure   di   cui   hanno bisogno.

I DISAGI DELLA MIGRAZIONE, IL SUPPORTO IN LOCO

Se   consideriamo   una   procedura   di   fecondazione   in   vitro,   essa   si   articola   in   varie   fasi   che   prevedono   numerosi   controlli:   inquadramento   di base,   definizione   del   piano   di   terapia,   monitoraggi   ecografici   dello   sviluppo   follicolare   (in   genere   almeno   4   o   5),   prelievo   ovocitario, trasferimento in utero degli embrioni. E’   evidente   che   se   la   donna   deve   eseguire   presso   il   centro   di   procreazione   assistita   tali   procedure   dovrà   fare   continuamente   avanti   e indietro   per   chissà   quanti   chilometri,   o,   in   alternativa,   dovrà   trasferirsi   in   loco   per   almeno   15-20   giorni   (con   costi   che   renderebbero   in genere impropobinibile la cosa, senza considrare i problemi legati alle assenze dal lavoro). Per   tale   motivo,   e   per   cercare   di   fornire   un   aiuto   alle   proprie   pazienti,   molti   operatori   che   si   occupano   di   problematiche   di   infertilità   hanno iniziato   ad   offrire   il   loro   supporto   alle   coppie   che   magari   vanno   poi   ad   eseguire   la   procedura   in   altre   regioni   più   o   meno   distanti   dalla regione   di   residenza.   In   genere   tale   supporto   si   esplica   per   lo   più   in   rapporto   alla   fase   di   monitoraggio   della   stimolazione   ovarica   e,   talora nell’aggiustamento   della   terapia   in   relazione   alla   risposta   ovarica   (fase   che   in   genere   richiederebbe   almeno   3-4   viaggi   dal   luogo   di residenza   al   luogo   ove   è   situato   il   centro   PMA).   Tutto   ciò   permette   alle   coppie   di   poter   quindi   affrontare,   con   costi   accessibili,   procedure che altrimenti difficilmente avrebbero potuto affrontare. In   tal   senso   anche   io   nel   mio   piccolo   cerco   di   fare   qualcosa   e   offro   il   mio   supporto   sia   a   coppie   che   da   fuori   regione   Toscana desiderano   venire   in   Toscana   per   eseguire   procedure   di   fecondazione   assistita   in   convenzione,   che   per   coppie   residenti   in Toscana   che   possono   eseguire   le   procedure   in   convenzione   in   altra   regione   pur   eseguendo   in   loco   la   fase   di   stimolazione ovarica    e    monitoraggio.    Tutto    ciò    consente    alle    coppie    di    affrontare    percorsi    di    fecondazione    invitro    con    COSTI    NON SUPERIORI A 700-800 EURO.  Per maggiori informazioni in tale senso potete inviare una mail a studiomedicolentini@gmail.com  
Pubblico, privato, privato convenzionato?